Apple dal 2020 non userà più i processori Intel

Apple
Condividi su:

L’Apple ha deciso di dare un taglio ai processori di casa Intel. Secondo alcune indiscrezioni infatti dal 2020 i rapporti tra Apple e Intel cesseranno. Nel frattempo l’Intel ha subito delle vere batoste in borsa, dove sul Nasdaq ha perso il 9% per poi concludere la giornata con il -6,07%. Attualmente solo i Mac monterebbero chip Intel, mentre iPhone, iPad, Apple Watch e Apple TV utilizzano chip Arm progettati in “casa”. I vantaggi di usare i chip Arm potrebbero essere molteplici stando a quanto dichiara la Apple. Innanzitutto non si dovrebbero più aspettare i tempi di rilascio della Intel, poi potrebbero sfruttare al meglio le capacità dei loro chip per lavorare con un minor dispendio di corrente e poter risparmiare un bel po’ di batteria allungando di gran lunga la vita dei Mac portatili. Se dal lato hardware l’anno di addio sarà il 2020, per il lato software le modifiche inizieranno prima di quella data. Gli iPhone e gli iPad Apple con chip personalizzati utilizzano il sistema operativo iOS, mentre i pc Mac con chip Intel utilizzano come sistema operativo MacOS. L’Apple ha iniziato a rendere uniforme le funzionalità prima a livello utente finale e poi ha iniziato ad implementare funzioni comuni anche a livelli inferiori. La società sta inoltre lavorando ad una nuova piattaforma software con nome in codice Marzipan, con probabile uscita a fine anno, che consentirà agli utenti di eseguire app per iPhone e iPad su Mac. Cosa ne pensate di questa notizia? Fatecelo sapere nei commenti, grazie dell’attenzione e al prossimo articolo.

Appassionato di tecnologia, serie tv e di videogame. Grafico e modellatore 3D.